ANDDOS

Eurovision, concorrente israeliano umiliato alla frontiera russa perché gay

By aprile 22, 2016 No Comments

3144597688(Da emmemagazine.it) –  Nei giorni scorsi si è tenuto in Russia l’evento promozionale in vista dell’edizione 2016 dell’Eurovision Song Contest, che si svolgerà il 10, 12 e 14 maggio alla Globen Arena di Stoccolma con la presenza della nostra Francesca Michielin e, serve ai cantanti che vi prendono parte per “tastare il polso” della fanbase eurovisiva in vista dello show e presentare dal vivo le loro canzoni.

Fra i cantanti presenti al pre-party eurovisivo russo c’era anche il rappresentante israeliano Hovi Star, in concorso a Stoccolma con Made of stars. Il giovane interprete è noto in patria soprattutto per il suo aspetto androgino e l’impegno nella comunità LGBT e, nonostante questo, ha voluto comunque presentarsi a Mosca.

Ma al suo arrivo Hovi Star è stato vittima di un deplorevole episodio di discriminazione. All’arrivo in aeroporto, Star è stato deriso dalle guardie per il suo aspetto e gli è stato danneggiato il passaporto. A riferire i dettagli è un’altra cantante che sarà al concerto-evento di Mosca, la spagnola Barei, che è stata testimone oculare del fatto.

In una intervista rilasciata al quotidiano catalano La Vanguardia, Barei si sofferma proprio sulla Russia, grande favorita della vittoria del concorso con Sergey Lazarev e You’re the only one.

Dopo aver sottolineato lo scarso gradimento per il brano, risponde senza mezzi termini alla domanda del cronista sulle preoccupazioni dei fan eurovisivi per una possibile vittoria russa, proprio per via delle discriminazioni in atto in quel Paese: “Non credo vinceranno – dice – Molti fra i votanti sono omosessuali e se io lo fossi, vedendo come trattano i gay in Russia, non la voterei. Proprio a livello umano…”.

Poi entra nel dettaglio: “Ero lì in quel momento e mi sono vergognata quando sono arrivata. Hovi Star, il rappresentante di Israele, è stato trattato veramente male in aeroporto, molto male davvero. Lo hanno deriso e io stavo per fare una scenata davanti a tutti. Lui non si nasconde, si presenta per quello che è: si trucca il viso e gli occhi. Venivamo da Riga, in Lettonia, e quindi si era tolto un po’ di trucco proprio perché sapeva che stavamo arrivando a Mosca”.

E continua: “Ma questo non è bastato: al controllo dei passaporti, gli hanno rotto la plastica che lo proteggeva, lo hanno guardato in faccia e hanno cominciato a ridere fra loro. Terribile. Poi gli hanno tirato dietro la plastica mentre lui diceva: “Mi state rovinando il passaporto, come faccio ad usarlo domani?” E loro ridevano. Lui è rimasto di ghiaccio. Agli altri non hanno fatto nulla, solo a lui, per il suo aspetto. Onestamente, sapevo che in Russia c’era questa discriminazione, ma quello che ho visto coi miei occhi in aeroporto è molto più di quello che pensavo”.

La redazione

L’articolo Eurovision, concorrente israeliano umiliato alla frontiera russa perché gay sembra essere il primo su ANDDOS.

Fonte: ANDDOS

Leave a Reply